Time Lapse – Bradley King (2014)

Diretto da Bradley King al suo esordio, questo Time Lapse è un thriller fantascientifico girato completamente in interni nel quale tre ragazzi devono fare i conti con una scoperta che cambierà per sempre la loro vita.

time-lapse-final-2

I tre amici scoprono che il loro vicino di casa, morto, ha una sorta di gigantesca Polaroid puntata perennemente sul loro appartamento e centinaia di foto del loro soggiorno appese al muro. La cosa di per sé sarebbe già abbastanza inquietante, se non fosse per un particolare del quale si accorgono solo in un secondo momento. Infatti i tre si rendono presto conto che la macchina fotografica scatta foto del futuro.

E quello che all’apparenza sembrava un semplice, per quanto fastidioso, guardone, diventa qualcosa di più.

timelapse_keyart

Il film parte abbastanza bene delineando in modo efficace la vita e la personalità dei personaggi, ma l’elemento sci-fi entra nelle loro vite senza creare poi particolare clamore. Quando si accorgono che le foto ritraggono il futuro, tutto sommato, non sembrano poi così sorpresi, increduli o spaesati. Anzi cominciano direttamente a pensare a come poter utilizzare la cosa a loro vantaggio.

Il fatto che i protagonisti pensino subito a come ottenere un ritorno, economico o non, dalla scoperta appena fatta è sicuramente un tema che, per quanto non certamente originale, resta sempre molto interessante ed attuale, ma forse è stato buttato sul piatto un po’ frettolosamente.

galerie6

Con i minuti, il film vira decisamente più dalle parti del thriller che dello sci-fi, con l’elemento fantascientifico che viene lasciato più che altro a far da cornice mentre evidentemente il regista vuole parlarci di ben altro. I legami tra i tre amici vengono irrimediabilmente drogati dalla speranza dell’arricchimento facile, ma anche dalla mancanza di spontaneità nei loro comportamenti, atti a ricreare pedissequamente ciò che le foto ritraggono nella paura che alterare in qualche modo il futuro possa avere pericolose conseguenze; quando invece sarà proprio la riproduzione nella realtà di quanto visto in foto a portarli verso irreversibili derive.

time-lapse-film-images-94b17386-3e6a-4b02-90b5-6ea6bb56b3b

Il twist finale funziona, anche se forse qualcosa non torna e capire fino in fondo il perché delle azioni di quel determinato personaggio e quale fosse il suo disegno fin dall’inizio, non è semplicissimo. Cosa abbastanza comune comunque per una pellicola che parla di paradossi temporali.

Esteticamente il tutto sembra forse un po’ troppo patinato e un briciolo di sporcizia in più gli avrebbe conferito più anima. Bellissimi però questi tagli di luce verde praticamente onnipresenti. Le prove attoriali non sono sicuramente indimenticabili e degna di nota risulta solamente forse la bella Danielle Panabaker nei panni di Callie.

maxresdefault

Il soggetto però è veramente molto interessante, anche se non è sicuramente stato sviluppato al meglio. Considerando che comunque si tratta pur sempre di un esordio, c’è da ben sperare per il futuro di questo giovane Bradley King.

Da tenere d’occhio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: